Privacy e cookie policy

Blog

22
Nov

L’artigiano 3.0: EtsyItaliaTeam

Di commercio on line si parla tanto, noi abbiamo scelto di farlo con Marta, Giada e Lucia di Etsy ItaliaTeam  delle vere esperte sull’argomento che incontreremo nel MOMTalk della mattina il prossimo 23 Novembre.

 

Ci raccontate le finalità dell’ EtsyItaliaTeam? Come si partecipa?
L‘EtsyItaliaTeam nasce con la finalità di essere un supporto reciproco e attivo per la community italiana su Etsy. Non siamo dipendenti di Etsy e non siamo l’assistenza italiana ad Etsy, ma tutto ciò che facciamo è volontario e ha lo scopo  di condividere ciò che abbiamo imparato fino ad ora sul commercio online. I compiti del team sono molto articolati e vasti: all’interno di Etsy gestiamo un forum, dove si affrontano tantissimi argomenti, dalla composizione fotografica, al migliore utilizzo di SEO e tag per la ricerca, consigli su come presentare al meglio il proprio negozio online, dalla grafica all’immagine coordinata, da come promuoversi a come individuare il proprio target, e così via. I membri dell’EtsyItaliaTeam stanno superando i 3000, c’è quindi una varietà molto ampia di competenze e ognuno mette a disposizione degli altri le proprie, per rendere più semplice il lavoro altrui. Al di fuori di Etsy, oltre a tenere un blog, una pagina facebook e essere attivi nella stragrande maggioranza dei social network, partecipiamo e organizziamo conferenze, talk e craft party, in tutta Italia. Portando quell’idea di collaborazione e sostegno nata all’interno della rete, nella vita quotidiana e reale.

Per essere parte del team sono necessari 2 requisiti: essere Italiana/o o risiedere in Italia e parlare italiano e  avere un account su ETSY. Dalla home page dell’ EtsyItaliaTeam su Etsy si accetta e sottoscrive il regolamento del team e ci si iscrive allamailing list. E il gioco è fatto.

 

 

Vendere online creazioni artigianali non è facile: ci date due consigli per presentarsi al meglio?
Essere artigiani e creativi non equivale ad essere svampiti: chi vende online dovrebbe cercare di organizzare al meglio il tempo e le risorse che ha a disposizione. L’artigiano 3.0 non fa più solo il suo lavoro manuale, ma deve avere alte competenze in fatto di fotografia, gestione e utilizzo dei media informatici. Sicuramente un fattore essenziale è trovare il proprio stile: questo significa avere logo, avatar, banner, nickname, ma anche biglietti da visita e packaging sempre riconoscibili e riconducibili a te, sia su Etsy sia sul proprio blog, pagina facebook, etc; scegliere con cura il nome del proprio negozio, in modo che sia facile da ricordare anche per gli stranieri; avere uno stile fotografico in linea con il prodotto e l’immagine grafica; e infine presentare le proprie creazioni come se le si potessero effettivamente avere tra le mani. Infatti il limite del commercio online è proprio questo: è necessario, attraverso l’uso delle foto, delle descrizioni e delle tag, essere il più dettagliati possibili, suggerendo anche l’utilizzo che si possa fare dell’oggetto stesso, invogliando e rassicurando, in un certo senso, il cliente che ciò che sta per comprare è un oggetto nato dalla fantasia di una persona, e facendolo sentire a sua volta una persona, e non un semplice consumatore di prodotti. Questo riporta la dimensione virtuale a quell’umanità unica dell’oggetto fatto a mano e artigianale.

 

1 Response

  1. Salve, ho inserito le mie creazioni per la prima volta su etsy, ma non ho avuto nessun riscontro. Forse non è il posto giusto per venderle e presto chiudero’ il mio negozio. È possibile avere un vostro suggerimento? Tra l’altro non so come fare per chiuderlo. Vi ringrazio in anticipo per i consigli che mi darete. Luisa Armeni

Lascia un commento